Ravanelli consiglia la Juventus: “In attacco prenderei Giroud o Mandzukic”

L’ex attaccante della Juventus Fabrizio Ravanelli consiglia i bianconeri su come rinforzare il proprio reparto offensivo: “Io prenderei Giroud – dichiara l’ex calciatore ai microfoni di Radio Sportiva – , è un attaccante importantissimo che sa difendere la palla, fa salire la squadra, è veloce in area di rigore ed è forte nel gioco aereo.

Credo sia un giocatore importante per l’economia della squadra, ma se ci fosse la possibilità, fossi nella Juventus, riprenderei Mandzukic”.

Acquisto maglie calcio poco prezzo online,maglia Juventus 2020 personalizzate,per fornire il miglior servizio al prezzo più basso. Benvenuti a questo acquisto.

Napoli, con Milik è autolesionismo?

La squadra segna poco ma il polacco resta fuori rosa e incide sul bilancio con il suo ingaggio da 5 milioni

Il Napoli ha una percentuale realizzativa dell’11,1 per cento, fra le più basse della Serie A. E questo nonostante la squadra di Rino Gattuso sia prima per tiri in porta (287) e per occasioni create. Dunque – come evidenziato in maniera clamorosa nella disastrosa Befana vissuta contro lo Spezia – uno dei problemi è quello di trovare un finalizzatore. Uno che la butti dentro senza se e senza ma. Logico che quando le cose non funzionino nel calcio, gli assenti abbiano sempre ragione. E così torna fra i tifosi la discussione su cosa poteva essere questa squadra con Arek Milik in organico, e non isolato nei suoi allenamenti a Castel Volturno, in orario diverso dai vecchi compagni di squadra.

Inter, Conte rassegnato: “Niente entrate né uscite. Vidal? Uso bastone e carota”

Il tecnico nerazzurro in vista della sfida contro la Roma: “Gare come questa misurano le nostre ambizioni. Vecino resta. Suning? Discorsi delicati, ne parlino altri”

E’ un match scudetto, lo dice anche Antonio Conte. “Quando affronti avversari così, misuri la tua forza. Queste partite servono a misurare le nostre ambizioni, con i fatti e non con le parole. La Roma, come pure la Juventus, è nel gruppo di squadre che lottano per lo scudetto e per un posto in Champions”.

Vecchio amore per Conte, nuova concorrenza all’Inter: cosa cambia se arriva Paredes

L’argentino, per cui il tecnico nerazzurro stravedeva già ai tempi del Chelsea, sarebbe un jolly perfetto per la mediana. Ma a chi potrebbe insidiare il posto?

L’innamoramento di Antonio Conte per Leandro Paredes comincia tempo fa e dura da almeno tre anni: il tecnico è al Chelsea da una stagione e a Londra, l’anno prima, aveva già portato dalla Serie A Marcos Alonso, prelevato dalla Fiorentina per quasi 30 milioni. Nell’estate del 2017 sposta il radar da Firenze a Roma e punta Antonio Rudiger e il centrocampista argentino, entrambi in giallorosso. Ma se il difensore tedesco sarà convinto a vestire di Blue – e la sua casa è ancora a Stamford Bridge – l’ex Empoli sceglie lo Zenit, poi il Psg. E le strade tra il tecnico e “El Mago” sembrano destinate a non incrociarsi. Almeno fino ad ora.

Lewandowski e il kit di lancio dell’azienda per celebrare i 100 anni della squadra nazionale polacca

La nazionale polacca ha rilasciato in questi giorni una maglia speciale. Festeggia i 100 anni di vita della PZPN, la federazione calcistica locale, ed è opera di Nike, il suo sponsor sportivo.

Maglia Polonia 100 anni x Nike

Il kit del centenario è schierato sul modello Nike Stadium e ha un design a metà.

Juve e Roma, il mercato paga. Milan senza fretta, Inter in rosso

Da Kulusevski a McKennie: Pirlo ha avuto tanto dai nuovi. Fonseca: pochi acquisti e buona resa. Pioli applaude Hauge e aspetta Tonali, Conte spera di vedere i veri Vidal e Kolarov, ma Hakimi convince

Il pallone si sta divertendo. E noi con lui: pronostici ribaltati, classifica scompaginata, andamento irregolare, nulla di scontato. Dopo sedici giornate la Serie A piazza nell’ordine Milan, Inter, Roma e Juve. Rispetto ai pronostici estivi l’Inter è l’unica a essere più o meno dove era attesa. E viene naturale guardarsi alle spalle e chiedersi quanto il mercato abbia inciso sullo sviluppo inatteso del campionato.

Acquisto maglie calcio poco prezzo online,maglia Roma 2020 personalizzate,per fornire il miglior servizio al prezzo più basso. Benvenuti a questo acquisto.

Divisa Home UCAN 2020-21 di Adelaide United

Nei giorni scorsi è stata presentata la nuova maglia home dell’Adelaide United per la prossima edizione della A-League, che inizierà a dicembre di quest’anno dopo la pandemia Covid-19 e l’intenzione della federazione di spostare il torneo nell’anno solare. . I Reds vestiranno poi il marchio cinese UCAN, che sostituirà Macron come sponsor tecnico del club.

Divisa Home UCAN 2020-21 di Adelaide United

Adelaide United 2020-21 UCAN Home Kit

La nuova maglia sfoggerà un corpo rosso e maniche in blu navy, implementando un motivo tonale con chevron divisi che viene ripreso dai pannelli anteriore e posteriore. I bordi gialli decorano il colletto e i polsini, mentre il pifferaio magico del sud Australia e l’anno di fondazione del club adornano lo schienale alto. La frase “More than Football” appare all’interno della cintura. Lo stemma del club è applicato a colori, accompagnato dalla stella che rappresenta il titolo di A-League 2015/16. Il logo UCAN appare centrato, mentre il logo della lega occupa il petto a destra. Gli sponsor si applicano in bianco e giallo.

Adelaide United 2020-21 UCAN Home Kit

Ingaggio, obiettivi e… Perché l’Inter non riesce a piazzare Eriksen?

Mourinho accetterebbe il ritorno al Tottenham del nerazzurro che a Milano sta facendo flop. Ma gli ostacoli sono tanti. E non si vedono altre pretendenti all’orizzonte

Mourinho strizza l’occhio a Christian Eriksen e la prospettiva di mercato del ritorno del danese al Tottenham diventa un’opportunità. Ma per chi? L’Inter, non a caso, segue con cautela le mosse degli intermediari, perché occorre mettere dei paletti importanti sui contorni economici di questa idea. Il Tottenham è disposto a farsi carico degli stipendi di Christian?

Fisico, mancino e… gratis. Chi è Dabo, il 2001 che può arrivare alla Juve

Aveva una quotazione milionaria, giocava in Ligue1 e nelle nazionali francesi, poi si è smarrito. I bianconeri possono prenderlo dal Nantes in prestito per la U23

Il Nantes è strano mix di gioventù ed esperienza. L’allenatore è Domenech, 68 anni, e in porta gioca Lafont, il portiere del ‘99 cresciuto testa a testa con Donnarumma: sono sempre stati considerati i giovani portieri più bravi al mondo, poi Lafont alla Fiorentina ha avuto alti e bassi mentre Donnarumma… è rimasto Donnarumma. Tra i punti di forza del club, il settore giovanile. La Juve lo scorso anno dal Nantes ha preso Ntenda, il difensore visto in Youth League contro il Real Madrid, e in questi giorni potrebbe fare il bis con Abdoulaye Dabo, centrocampista francese del 2001 che gioca in seconda squadra. Il passaggio sarebbe da squadra B a squadra B: arriverebbe in prestito gratuito per la Juve U23.

Padoin spinge la Juve: “Pirlo? Ha grandi idee. Ecco chi prenderei in attacco”

L’ex tra campo e mercato: “Il club ha cambiato molto, giusto non mettere pressione. Quest’anno si può ancora vincere”

Cinque scudetti, tre supercoppe italiane e due coppe Italia dal 2012 al 2016 con tre gol segnati in 106 presenze ufficiali: Simone Padoin sa cosa vuol dire indossare la maglia della Juventus. Per questo la sua opinione conta, indipendentemente dal tema, che sia mercato o calcio giocato: “Non dobbiamo dimenticarci che la Juve, a inizio stagione, ha iniziato un nuovo progetto con tanti cambi nella rosa in favore dei giovani e di un allenatore alla prima esperienza. Ovviamente c’è sempre l’obbligo di vincere, la storia del club dice questo, tuttavia la società conosce le difficoltà e non sta mettendo alcuna pressione sia ai calciatori che al mister. Questa, se vogliamo, può essere considerata un’annata di transizione: in ogni caso, per ora il bilancio è positivo”.